Le VOSTRE storie

Non sono solo. Ci sono le formiche bianche. Spuntano in gruppo, piccole piccole, avvolte di candido, efficienti premurose e laboriose.

In questo enorme reparto luce fissa dei neon, io non so più dove ho gli occhiali, non le distinguo quasi mai, tutte uguali tutte animate e infervorate nei loro piccoli passetti veloci. Ogni tanto si avvicinano a qualche alto palombaro di bianco vestito, chiedono istruzioni, danno notizie, si offrono. Sono uniche nel loro sciamare, e tutte belle perché invisibili. Mi conoscono tutte, e tutti, mi salutano ed io devo fare finta di riconoscerle in una individualità che non conta. Sotto quei bardamenti e visiere solo occhi, appannati, piccoli grandi, chiari scuri, che in altre circostanze sarei in grado di distinguere, di apprezzare, di commentare.

C’è Mary, c’è Agata, c’è Giusy, c’è Federica, c’è Luisa, c’è Gabri. Alcune quando iniziano il turno vengono da me, controllano se dormo: se no mi salutano, se sì mi fanno una carezza senza firma e senza prezzo. E mi rimboccano il lenzuolo. E il mio ansimare diventa respirare. 
E non che conti meno la strizzata d’occhio, da sotto la visiera, di Gigi, di Salvo, di Antonio
Sono il meno vecchio, piango sempre, e mi chiamano “il ragazzo con le lacrime”, tirando fuori da non so dove la salvietta lenitiva. Per non dire delle api dottoresse, magiche, preparate, pazienti.

Figli adorati, è questo che vorrei lasciarvi (possibilmente senza andarmene…): investite sempre sul fattore umano, puntate sugli altri, abbiate voglia di conoscere, scoprire, amare, le persone che attraversano la nostra strada.

Ci sarà sempre qualcosa da imparare, da arricchirci. Non vi tirate indietro quando c’è da conoscere qualcuno e fare capolino nel suo mondo. 


Non è solo cortesia o curiosità, ma è uno dei piaceri più grandi della Vita. Lo dico soprattutto ai più timidi di voi (pochi sanno quanto lo sia anch’io…), mi meraviglio che a volte mi rimproverate amabilmente per certe mie esuberanti estroversioni.

NON TENETEVI LE COSE, I SENTIMENTI, DENTRO. Non confondete il rispetto con la privacy, la timidezza con la discrezione; la curiosità è arricchimento.

I risultati saranno in ogni tempo, in ogni luogo, queste formichine bianche; questi messaggi d’amore che mi arrivano da ogni dove, questo essere visto come un simpatico impiccione, questa collezione di amici ed amori che mai vorrei deludere. 

E che forse è l’unica cosa che so essere.

Giuseppe, 27/12/2020

  • Davide
    Davide (17 novembre 2020) 52 anni, Puglia Entro in ospedale per un brutto incidente d’auto il 13 gennaio. Dopo tac mi trovano 12 costole, clavicola rotte. Entro in terapia intensiva, mi operano alla clavicola ...
    Leggi la storia
  • Barbara
    STORIA DI BARBARA (17 NOVEMBRE 2020) Campania, 48 anni Ho contratto il virus da mio marito che ha avuto febbre a 39 per una settimana e dopo due giorni mi ammalo io con febbre ...
    Leggi la storia
  • Linda
    STORIA DI LINDA (17 novembre 2020) 28 anni, Emilia Romagna Ad aprile comincio ad avere i sintomi da covid (confermato da sierologico a fine isolamento), stanchezza, malditesta, affanno, perdita dell’olfatto e febbre, ...
    Leggi la storia
  • Elena
    Elena (16 novembre 2020) 52 anni, Toscana Il 6 di marzo febbre a 38,6 e dolori ovunque…avendo già avuto l’influenza del momento e viste le ultime notizie non confortanti sul presunto virus mi ...
    Leggi la storia
  • Giuseppe
    Giuseppe (14 novembre 2020) 66 anni, Lombardia Il 20 marzo mia moglie chiama il 118 perché ho perso i sensi e dopo 12 ore viene un ambulanza da Como, del Sant’Anna, non ero cosciente e ...
    Leggi la storia

Raccontaci la tua esperienza con il virus covid-19


    I campi contrassegnati con * sono obbligatori


    ERRORE: Compila i campi obbligatori!